OCCHIO: degustazione, esegesi...   ESPRESSIONI: visioni, letture, arte...

domenica 13 gennaio 2013

a love story

VHS mon amour
2013
Russia
Regia: Bakshaev (Alexander Bakshaev)
Scritto: Robert Monell

Entriamo nel puro Amore, allontanandoci da stereotipi, penetriamo in un vero e proprio atto di profondo sentimento, tale per chi l'ha creato, tale per il protagonista, un'ombrosa persona schiva e dedita totalmente al suo personale pianeta, tassellato da bootleg di vecchie VHS, segno di inattaccabilità dei propri connotati da fattori esterni, nonostante il passare del tempo.
In un malinconico scenario "tarkovskijano" vige una placida distruzione: ruderi, alberi caduti, acqua che ha perso limpidezza, stralci d'arte che vengono sacrificati al fuoco, quest'ultimo anche elemento distruttivo di se stesso. Egli, passando in questi luoghi, vive di allegorici fotogrammi estratti dalle sue cassette, percepito da altri non lo è quasi, coloro con cui viene a contatto sono sordi al suo animo; in un caso, però, qualcuno riconoscerà la sua scia emotiva e lui regalerà un segno.
Difficile non lasciarsi prendere dall'armonia di questo racconto, che trasforma in poesia anche una prosa e delle videocassette di b-movie italici, che si fonda sul montaggio e l'indovinato sincronismo sonoro, nonché su una fotografia nitida e cristallina, che sfrutta appieno i colori della natura e la luce diegetica, sempre vicina al citato Andrej di Stalker.
Dalla sua anche tre delicate — e taglienti, in ugual modo —  presenze fisiche, piacevoli ventate di passione.
Poi "ci sono" Mario Bava, Lucio Fulci, Jean-Luc Godard, Joe D'Amato...
E immensa sorpresa quando ho scoperto che tutto questo era dedicato alla mia persona; quando un certo animo artistico, una passione che non è fine a se stessa ma mondo, lega senza trovar confine, contrariamente a smancerie e frivolezze da presunte vicinanze.
Grazie, Alex, a buon rendere!

29 commenti:

  1. 'inattaccabilità dei propri connotati da fattori esterni, nonostante il passare del tempo' - esattamente!

    RispondiElimina
  2. Brucia continuamente, come uno spiffero...
    Non sfugge la frantumazione, l'essiccazione - che deperisce, ma conserva per un forse anche fosse un forse altrove, dal rigurgito raccoglie - della sterpaglia, quella dell'animo. Anche il fuoco può essere fluido come l'acqua e le foglie incenerite dure come sassi. Mi è piaciuto moltissimo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fa leva su elementi percepibili ma di classe, bello davvero.

      Elimina
  3. Risposte
    1. Forti Bro', soprattutto perché arrivano da chi ti stima davvero, senza forzature e piaggerie.

      Elimina
  4. il bosco arancione sembra bruciare. Tu sorprendi sempre, ma sei timido: mostra qualche minuto di questo filmato, please :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono proprio pochi minuti totali, il buon Alex mi ha anticipato e l'ha linkato più in basso. :)

      Elimina
  5. Non capisco mai di cosa parli, cosa guardi, cosa intercetti con le tue antenne attente. Ma la cosa certa è che colpisci sempre, dove vuoi colpire.

    RispondiElimina
  6. ultimamente non ho tempo di guardare nemmeno un telefilm... forse meglio così... questi figli ti assorbono... mi accontento di venire qui ogni tanto a leggermi i tuoi post... spesso sono meglio del cinema...
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se ci aggiungi che è anche come leggere un libro mi fai ancora più felice! :D

      Elimina
  7. Giusto in tempo da vedere mentre pranzo, sembra interessante :)

    RispondiElimina
  8. Dove vuole arrivare con quelle buste blu?

    RispondiElimina
  9. ci sono espressioni che non vedranno mai la luce e il sentimento si ghermira'.. ci sono delle espressioni che non saranno mai ben accettte perche' troppo vere per appartenere al mondo

    RispondiElimina
  10. par proprio il mio genere, vedrò di recuperare...

    RispondiElimina
  11. ciao, mi sono iscritto al tuo blog. tu ora che fai? saluti.

    RispondiElimina
  12. Ciao carissim@, m’ero iscritto al tuo Blog, ma vedo che dopo diversi giorni d’attesa non c’è stata tua corrispondenza con la libera iscrizione nel mio blog (matta-mattax.blogspot.it).

    Quindi, per timore di non essere gradito, mi disiscrivo.
    Togliendomi dai tuoi “lettori preferiti” e chiedendoti pardon per il disturbo.

    Se ti iscriverai nel mio blog, m'iscriverò nel tuo, appena vedrò la tua iscrizione però. Così, senza problemi e con totale libertà (mi sento così pleonastico nello scrivere certe cose ovvie che non puoi credere), tuttavia è sempre bene evidenziarlo. Non credi?

    Bye bye.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Senza alcun problema e totale libertà, decisamente.
      Era tutto un fattore di mia lontananza dal blog per qualche giorno.

      Elimina
  13. Ciao,
    come al solito in questo blog trovo delle cose interessanti e magnetiche, come è magnetica solo la foto in sè.

    Sono venuta dalle tue parti per vedere se trovavo notizie su Esenin ma basta guardare i tuoi post per avere tante altre informazioni su interessanti chicche.
    Quanto è vasto il mondo surreale del cinema, che come i libri racchiude dietro di sè una persona, un'interpretazione, un'anima ... così anche la musica.
    Saluti
    Anna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Anna!
      Sei sempre benvenuta in questi lidi, si vede che hai sensibilità per immergerti! :)
      A presto!

      Elimina