OCCHIO: degustazione, esegesi...   ESPRESSIONI: visioni, letture, arte...

lunedì 6 febbraio 2012

cavalcata ucraina

Вій (Il Vij)
(Tratto da Storie di vampiri)
Nikolaj Vasil'evič Gogol'
Newton Compton Editori


Vivace è la natura che circonda il Seminario di Kiev, come lo è la vita sociale, seppur povera, di quell'Ucraina passata. Il fiume in piena che esce dalla struttura, formato da grammatici, retori, filosofi e teologi, diventa esso stesso parte di quello splendido paesaggio, come un corso d'acqua che poi si perde nei suoi rami e nella foce. Chaljàva, Tiberio Gorobèc e il filosofo Chomà Brut sono la foce, perché ci si focalizzerà solo su di loro, in particolare sull'ultimo, che subirà l'incantesimo di quella che sembrava una vecchietta ospitale e invece si era rivelata una strega. Una magia che aveva portato la vecchietta a cavalcare la sua vittima in uno spazio-tempo soprannaturale. Ma il prode filosofo, ribaltò la situazione, segno della capacità di quelle popolazioni di ammaestrare il folclore.
Il tutto non finisce qui, Chomà verrà chiamato al capezzale della figlia di un "sotnik", un capo di un villaggio cosacco, morta inspiegabilmente. Ella ha espressamente richiesto la sua presenza. Perché? Lui non la conosceva! O sì? È lei, la strega, che tenterà per tre notti di vendicarsi, tre momenti oscuri in cui il seminarista sarà incaricato di salmodiare nella chiesetta dov'è posta la bara, da solo, in cambio di una lauta ricompensa o di frustate in caso di rifiuto. Passa una notte, con lei che si alza dalla bara e cerca di attaccarlo, ma non può vederlo; lui è fermo nelle sue azioni, e se non è proprio un esperto nel campo è almeno uno che vive la vita di petto. Arriva il canto del gallo e la luce, ne esce provato ma illeso. Arriva la seconda notte, la bara fluttua nell'aria, ma Chomà, seppur spaventato sa il fatto suo e la vince. Riporta però un incanutimento della chioma, perché la sua verve giovanile sta venendo meno, e con essa la visione di una vita votata alla massima libertà. La terza notte è una tregenda, creature che spuntano da ogni dove, seppur anch'esse cieche sulla posizione del filosofo, compresi i Vurdalak, i vampiri slavi, e nel finale viene evocato lui, il Vij, sorta di re degli gnomi dalle lunghe palpebre.
Chomà Brut è uno che non ha mai desistito, non ha mai dato le spalle alla vita, è sempre stato fin troppo emotivo e mai ha frenato questa sua caratteristica, in favore di una maggior riflessione. Questa sarà la sua condanna, al Vij saranno spalancate le palpebre, un'arma per lui, che individuerà il filosofo, che invece nel guardare e non muoversi di conseguenza troverà il suo punto debole, e morirà di paura alla sola visione. Ma anche il Male, come Brut, si è spinto troppo in là e molte entità rimarranno preda della luce.

Вий (Viy)
1967
Unione Sovietica
Regia: Georgi Kropachyov, Konstantin Yershov
Soggetto: Nikolaj Vasil'evič Gogol'
Sceneggiatura: Georgi Kropachyov, Aleksandr Ptushko, Konstantin Yershov

Più volte è stata trattata cinematograficamente la novella in esame, e siamo in dovere di ricordare l'esempio del grande Mario Bava, con il suo gioiello gotico La maschera del demonio, che ha preso spunto ma nello stesso tempo è stato anche molto libero nell'adattamento (sceneggiatura di Ennio De Concini, Mario Serandrei, Mario Bava, Marcello Coscia). Film poi oggetto di meno riuscito remake da parte del figlio Lamberto.
Questa colorata pellicola edita della Mosfilm è invece fedelissima, anche nelle parti di testo estrapolate. Di taglio grottesco come il racconto, è lo stesso scenario a presentare un alone di "finto", dovuto presumibilmente a ristrettezze di budget, che dà idea di favola di un folclore tramandato. Al momento giusto sa però essere anche truce, con effetti di gran rilievo, ci riferiamo alla realizzazione delle creature, roba simile a produzioni occidentali di venti anno dopo. La fotografia vira dal luminoso del gioviale giorno ucraino così ben narrato nella storia del lì partorito Gogol', al plumbeo delle notti tormentate, ed è bellissima la struttura sacra, con le sue icone che sono un misto di rassicurante e intimorente.
Perfetto Leonid Kuravlyov nella parte di Chomà, nel film chiamato Khoma Brutus, spavaldo e debole, così come la bellissima Natalya Varley nella parte della strega versione giovane.
La storia è stata ripresa nello jugoslavo Sveto mesto (1990), adattata nel russo Vedma (2006) e verrà riproposta, sempre in Russia, nel 2012.

17 commenti:

  1. Conoscevo il racconto, conoscevo -ovviamente- la versione di Bava padre, ma ero all'oscuro della versione sovietica. Mi hai aiutato a colmare un altra lacuna, grazie!

    RispondiElimina
  2. Wow. Questo racconto proprio non lo conoscevo. E finalmente ho scoperto cos'è un Vurdalak! ^^

    RispondiElimina
  3. Interessante davvero, è sempre utile conoscere queste cose!

    RispondiElimina
  4. Essendo un' adoratrice di Gogol e del racconto, mi fa piacere apprendere dell' esistenza della sua versione sovietica, che non conoscevo. Ora mi metto alla ricerca, se è reperibile da qualche parte ;)

    RispondiElimina
  5. @tutti: racconto dei più famosi del folclore slavo, nomi quali Vij o Vurdalak (Wurdulak o Wurdalak...) non sono appunto nuovi ai fan del Marione.
    Da unire alla visione del citato La maschera del demonio, così da avere due adattamenti da gustare.

    RispondiElimina
  6. Mi complimento per questo post, certo che i vampiri mi fanno paura, a parte la saga twilight. Sì lo so, troppo commerciale, hai ragione, ma sempre vampiro è

    RispondiElimina
  7. Bellissimo! Le storie sui succhiasangue sono stupende, esludendo naturalmente i vampiri di recente nascita con annesse saghe ( sono una signora altrimenti userei un altro termine). Se poi nomini i Wurdalak, come non sorriderti? Mi hai riportato Vincent ne Il club dei mostri, anche lì i Wurdalak hanno fatto la loro bella figura. Che dirti se non che affascina come scrivi?

    RispondiElimina
  8. @Lisa: i vampiri fanno paura in varie parti del mondo, anche se chiamati in modo diverso.

    @Isobel: mitici i Wurdalak di quell'episodio, divertentissimo Vincent! Anche se il terzo rimane il mio preferito, quello con i ghoul. Film divertentissimo, canto del cigno del british style, grandi musiche e humor nero da amare!
    Ti ringrazio con gran fervore!

    RispondiElimina
  9. Tutto questo è nuovo per me, chissà forse potrei prenderci gusto.
    Ciao.

    RispondiElimina
  10. @teodorica: può darsi, è un qualcosa di classico ma con la sua originalità. :)

    RispondiElimina
  11. Wow, bellissimo questo blog e ammetto la mia ignoranza: non conosco nessuno dei film da te citati, almeno per quanto riguarda i post che ho letto. Il tuo è il blog ideale per allargare i propri orizzonti!

    RispondiElimina
  12. I film horror del passato sono i tuoi preferiti, vero?

    RispondiElimina
  13. @Sailor Fede: sì, il senso è anche quello di proporre qualcosa di più nascosto e permetterne l'apprezzamento. :)
    Hai visto bene, netta preferenza per gli horror meno nuovi, per una questione innanzitutto di idee.
    Grazie per la visita! :)

    RispondiElimina
  14. Qui posso imparare molto..
    Non li ho letti, e ora sarei curiosa di farlo...ciò significa che sei in gamba.
    Ciao
    Angie

    RispondiElimina