OCCHIO: degustazione, esegesi...   ESPRESSIONI: visioni, letture, arte...

lunedì 11 maggio 2009

prima genesi

Frankenstein
1910
Stati Uniti d'America
Regia: J. Searle Dawley
Soggetto: Mary Shelley
Sceneggiatura: J. Searle Dawley

Prodotta dagli Edison Studios, è la prima migrazione cinematografica dell'opera di Mary Wallstonecraft Shelley. Pellicola quasi completamente sconosciuta, è noto che la Creatura ed il Dottore in celluloide più famosi hanno le fattezze di Boris Karloff e Colin Clive , classici personaggi senza tempo del mondo Universal. Si denotano fin dal primo fotogramma i segni del tempo, purtroppo questo gioiello è finito nel dimenticatoio per tanto tempo ed ha sofferto maggiormente dell'usura, comunque la "visionabilità" generale non è compromessa.
Il plot è quello noto, condensato in dodici minuti che non perdono mai di tono. Grande spazio alla creazione ed alla sua modalità, da notare che il tutto avviene con il fuoco, solitamente metafora di distruzione più che di nascita. Sequenza molto curata anche dal punto di vista tecnico, un uso all'inverso della pellicola fa credere che il mostro si componga invece che deteriorarsi. L'aspetto a prodotto ultimato è ben diverso da quello presentato dalla Universal e da Whale (il noto regista), ma anche da quello del romanzo originale. Ottime anche le variazioni cromatiche, scelta presente in molti film del tempo, soprattutto nelle varie riedizioni.
Non possiamo esimerci dal descrivere il finale: la Creatura si annulla specchiandosi e prendendo coscienza del suo aspetto; avviene prima una trasmigrazione nella sua immagine con scomparsa della controparte carnale, poco dopo arriva Frankenstein che vede il suo riflesso ancora sotto forma di creatura per qualche secondo, a simboleggiare che la sua creazione non è altro che il suo io malvagio, ma poi irrompe il suo aspetto materiale e tutto finisce...

15 commenti:

  1. Bellissimo post, complimenti. Sono sempre stato affascinato dagli Horror con i vari Lugosi, Karloff, etc e ammetto che non conoscevo questa produzione, complimenti.

    RispondiElimina
  2. La cinematografia è una mia passione, anche se vorrei avere tanto più tempo per curarne la conoscenza.
    Avevo sentito di questa produzione, ma tu ne parli in modo spettacolare.
    Tempo fa, non ricordo neppure che trasmissione fosse, hanno trattato l'opera di Mary Shelley e tutte le relative pellicole prodotte.
    Interessantissimo.
    Ho sempre nutrito una sorta di odio e amore per tutto ciò che concerne l'horror.

    Buona giornata!

    RispondiElimina
  3. @ the Tramp: in questo caso siamo ancora distanti dai quei capolavori americani, ma in senso storico la pellicola è di gran rilievo. Da citare che, in qualità non eccelsa, fa la sua presenza su Youtube...
    Saluti! :)

    @ Guernica: la trasmissione che citi dev'essere stata ottima, se hanno citato anche questo film la cura era di un certo livello. Per quanto riguarda l'horror posso considerarmi un appassionato ultraventennale, però con i dovuti distinguo...
    Ciao! :)

    RispondiElimina
  4. sei mai andato qui?: http://www.europafilmtreasures.it/i_film.htm

    è interessantissimo

    RispondiElimina
  5. Dunque, nella trasmissione non citavano questa trasposizione.

    Me ne parlava un mio amico e (se non ricordo male) avevo letto qualcosa al riguardo alla Cineteca di Bologna.
    Bellissimo posto!;)

    Buona serata!

    RispondiElimina
  6. ciao complimenti per il blog, mi piacerebbe inserirti nella mia lista di blog amici, se sei interessato allo scambio link fammi sapere, il mio blog è www.queen-robj.blogspot.com

    RispondiElimina
  7. @Matteto: non lo conoscevo, grazie! Un vera miniera

    @Guernica: il posto piacerebbe visitarlo anche a me... :)

    @RobJ: grazie! mi attivo subito. :)

    RispondiElimina
  8. ciao ti ho aggiunto, buona giornata

    RispondiElimina
  9. Ciao, perdonami se vado off topic. Sono l'amministratore di un blog cinematografico dedicato alla Settima Arte e non solo.

    Mi piacerebbe se accettassi la mia proposta di scambio link. Che ne pensi? ;-)

    Fammi sapere.
    Drewes
    http://angolofilm.blogspot.com/

    RispondiElimina
  10. Grazie. Anche io ti ho inserito, a presto! ;-)

    RispondiElimina
  11. LASCIA PERDERE LE ESPRESSIONI E VAI SULLE CONCLUSIONI!...IN PAROLE POVERE CHE CACCHIO STAI A SCRIVERE? ..E FATTE NA RISATA CHE E' MEGLIO!...HAO STO A SCHERZA' ..STO A FARE L'UMOR TANTO PER DIRE 2 STRONZATE...CIAUZZ

    RispondiElimina
  12. Ti prego di scusarmi per questo off topic. Sto segnalando a più persone possibile una lettera scritta da dei detenuti islamici in Sardegna, che anche in questo momento subiscono un regime di detenzione che viola tutti i diritti della persona, nemmeno i mafiosi del 41 bis vengono trattati in questo modo. Trovi la lettera QUI

    RispondiElimina
  13. @ LaFabricaDellUmor: :)

    @ sytry82: hai fatto bene a segnalare, la cosa deve essere approfondita

    RispondiElimina
  14. @ the black cat: grazie, mi farà piacere se ricapiterai da queste parti. :)

    RispondiElimina