OCCHIO: degustazione, esegesi...   ESPRESSIONI: visioni, letture, arte...

mercoledì 30 novembre 2011

due gioielli nel bianco

Les yeux sans visage
(Occhi senza volto)
1960
Francia, Italia
Regia: Georges Franju
Soggetto: Jean Redon
Sceneggiatura: Pierre Boileau, Thomas Narcejac, Jean Redon, Claude Sautet, Pierre Gascar


La rinomata importanza di un pezzo di carne, una cartilagine, un frammento di epidermide. Non alludiamo a funzioni atte al funzionamento del corpo, ma alla considerazione che ha la società della "scatola". In tal senso, il tempo ha imparato ad accettare anche optional non naturali, l'importante è la funzionalità sull'occhio altrui.
Il dottor Génessier è un bravo medico, peccato che pecchi di... onnipotenza. Per la scienza è disposto anche a decidere chi debba vivere e chi no, su quali esseri viventi fare pratica, chi debba beneficiare dei suoi successi e chi ne debba fare le spese. Addirittura può permettersi di fare il comodo proprio nei cimiteri, anche mentre in cielo passa un aereo, simbolo di progresso tecnologico, a terra avvengono le sue sperimentazioni semi divine, in stile costole estratte per altre creazioni. A farlo rimanere umano c'è però la paura del fallimento, sempre vigile, anche dentro chi gli sta intorno. Una presenza è Louise, una sua "creatura", visto che ha beneficiato di un intervento ricostruttivo che le ha dato nuova linfa vitale, e non ultima, ma protagonista, sua figlia Christiane, "occhi senza volto", perché il suo viso si è disfatto in un incidente stradale, tra l'altro, a detta di lei, provocato dalla superbia del padre presente anche in strada. Con un freddo stratagemma la si fa passare per morta, di modo che lo "strumento" sia disponibile in maniera indisturbata, si deve infatti tentare la ricostruzione del viso, non si sa quanto per amore o quanto per mania di potere. Ma se per sperimentare tecniche bastano dei poveri cani raccolti in strada, per il fulcro dell'operazione serve pelle fresca, connotata similmente a quella di Christiane, e Parigi ne è piena, orsù! A reperire ci penserà Louise, ci si fida di più di una donna dai modi gentili. Le mosse di lei sono rese caricaturali dalla presenza di una buffa Citroën 2CV e dalla farsesca musichetta di Maurice Jarre; contrappunto che davvero sa creare un'ottima via di linguaggio.
Ad un certo punto pare che l'operazione sia andata a buon fine, la ragazza può togliere la maschera che copriva le sue piaghe e mostrare un viso talmente angelico da sembrare di carta velina, che il padre continua a gestire permettendosi di dire anche quando un sorriso si è spinto troppo in là. Christiane aveva un ragazzo, e forse, anche sotto mentite spoglie (lei era ufficialmente morta), potrebbe rivederlo... Lui, fra le altre cose, ha un ruolo di rilievo, insieme alla polizia locale. Purtroppo le speranze decadono dopo poco, il tessuto è rigettato, iniziano a presentarsi ematomi e necrosi, tutto torna come prima. Ma questa è la goccia: occhi senza volto ormai è allo stremo psicofisico, non rimane che punire i colpevoli e ricongiungersi, insieme alle altre cavie, con la natura non modificata dalle mani umane.
Classico senza tempo, tenendo fede al fatto che è una produzione franco-italiana, pesca un po' dal gotico e meno gotico nostrano di allora, tipo quello marchiato Freda e Bava, vedi I vampiri, e un po' dal giallo o thriller metropolitano, anche francese, vedi il bellissimo I diabolici di Clouzot.
Prove attoriali di prim'ordine, con un'eterea Edith Scob nella parte di Christiane, espressiva con la maschera tanto quanto senza, e Alida Valli nei panni di Louise. Pierre Brasseur è il gelido dottor Génessier, una maschera di ghiaccio.
Regia e fotografia magistrali, si percepisce il passato dedito al documentario di Franju, è stato molto abile nel descrivere la freddezza degli eventi, così com'è funzionale la trama, ispirata ad una novella di Jean Redon, durante gli omicidi, asettici come una sala operatoria. A proposito: la sequenza dell'intervento su di una vittima ha perso un po' di effetto oggi, ma allora era fortemente scioccante.
Fotografia realisticamente ben illuminata, carrellate cadenzate, movenze delicate. Ma anche puntate ironiche a smorzare il ritmo teso.
Probabilmente uno dei migliori cento film horror della storia.

15 commenti:

  1. Combinazione! Anche io oggi ho parlato di Franju.

    RispondiElimina
  2. Una vera perla. Citato e copiato da molti film a seguire (vedi Jess Franco).

    RispondiElimina
  3. I watched a few snippets on YT:)
    Excellent! People should thanks to such films to think about whether they should lament about theirs appearance ... Sometimes it's annoying! "I'm fat blah blah blah" or "I want to be blonde" - and then complain about roots x) You need to tell me about You more Luigi! :3

    RispondiElimina
  4. @Nick: vengo a leggerti con curiosità, pare che il blogroll non si aggiorni subitissimo.

    @Melinda: aaaaaanche di più! Puoi anche solo lasciare la forma di un'impronta di zampa.

    @Caina: è vero, pietra miliare, basta guardare l'anno di produzione.

    @Judka: This is a good consideration, it is a film that can be taught to accept as it has! Now even more, I think that times have worsened in this!
    Thanks, Judka, never dull your comments!

    RispondiElimina
  5. Hih thanks Luigi
    My friends don't read books and don't like this kin of movies (sometimes I feel like a NERD:D) Nice to know someone who has something to talk about ^^
    Good Night :3

    RispondiElimina
  6. @Judka: same thing for me, my friends, even if they read
    books and watching movies, is not the same type.
    I'm probably the only one in town with these tastes, or
    perhaps in the whole region! :D
    Thanks to you, then you are far away though, I feel you near! :)

    RispondiElimina
  7. Davvero una bella recensione!!! mi piace un sacco il cinema degli anni '60... questo film me lo sono perso per cui vedrò di recuperarlo e di gustarmelo! ;) volevo anche ringraziarti per quello che hai scritto sul mio blog... sei stato davvero molto gentile!!! :)

    RispondiElimina
  8. @Melinda: devo nominarti Riccardelli ad honorem? :D
    Sì, quelle parti in francese erano tagliate nella versione italiana.
    Dobbiamo recuperare i doppiatori, di sicuro bei nomi, è arcinoto che al tempo non doppiavano Totti e Materazzi.
    Ah, stai certa che nel cinema italiano e francese del tempo si pesca a piene mani, il bello è che poi i meriti se li prendono gli altri, solo perché più noti...
    Christiane figura diafana, bella con maschera e non!
    Ma alludi ad un lieto fine? Oppure che al ragazzo veniva un infarto?
    Ci credo che ti sbraghi, con tutti i pranzi "stregoneschi" che fai!

    @Libera: pensavo che qualche stregone ti avesse trasformato in polena di una gondola! :D Tutto OK?

    @Giulia: nonostante tutto, è un film dolce, piace anche agli animi sensibili, quindi può fare per te. :)
    Sul tuo blog sono stato prima di tutto sincero nel volerti dimostrare che situazioni da "reame" accadono (a mio parere), ma non è certo il tuo caso, infatti ancora ti seguo con vero piacere! :)

    RispondiElimina
  9. No no, sn sempre in carne e ossa,non in legno é_è ti scriverò presto una mail... un abbraccio! :*

    RispondiElimina
  10. @Libera: bene, l'attendo! :)

    @Melinda: va bene allora sarai subriccardelli.
    Se il mio blog esplode puoi sempre riabbracciare con fervore Melinda Gordon, vedrai che perdonerà questo tuo exploit verso interessi da maniaci pregni d'angoscia esistenziale.
    Nel mio futuro film tu sarai il personaggio che fa indigestione di croccantini!

    RispondiElimina
  11. Film stupendo, uno di quelli che guardi e riguardi come se fosse sempre la prima volta. Ciò che hai scritto non è da meno, mai noioso, e mai fuori riga.

    RispondiElimina
  12. @Isobel: c'avrei scommesso che era di tuo gusto! ;)
    Le tue parole mi fanno sempre un certo effetto...

    @Melinda: è il tuo destino...
    E non farti sentire da lei, altrimenti ti infilza con un mascara Maybelline.

    RispondiElimina