OCCHIO: degustazione, esegesi...   ESPRESSIONI: visioni, letture, arte...

venerdì 27 gennaio 2012

il sonno della dominazione

Dreamgirl
1966 (circa)
Stati Uniti d'America

Dormiveglia e sonno irti di passione estrema, sfrenato piacere parallelo al dolore, quel masochismo che par contro natura e invece diventa strumento di benessere per tanti umani.
L'uomo qui ritratto sfoga la sua pulsione e si mette a capo di una folta schiera di maschi che covano desideri di questo stampo, in parte specchio di puro libertinaggio, in altri casi derivati da misoginia e sconfitte al cospetto dell'altro sesso. Fra transizioni ad iride, il palo al centro dello schermo si fa albero della cuccagna, pronto ad ospitare anche il rovesciarsi della situazione, quando l'aguzzino dormiente inizia a desiderare la sottomissione, e via, in nuova rappresentanza di milioni di signori sparsi in tutto il globo, fino ad arrivare al massimo della libido.
Conosciuto anche come Stacey Walker, Dreamgirl è una probabile parte iniziale di una pellicola sexploitation mai completata, che diventa involontariamente metafora di desiderio inespresso. Prodotto da David F. Friedman, celebre produttore ed esponente d'exploitation, partecipe anche in alcuni titoli di Herschell Gordon Lewis, e interpretata da Stacey Walker, che in quell'anno compare anche in un altro paio di pellicole di genere.

15 commenti:

  1. Beh è uno di quei film che dimostra come in quegli anni negli Usa, anche grazie a personaggi come Friedman , il modo di fare cinema stesse cambiando.
    Come Melinda prima di me, ammetto che non è propriamente il mio genere, però ha un valore, come dire, "archeologico".
    Ciao.

    RispondiElimina
  2. @entrambi: sono pochi minuti scarsi di un'opera probabilmente incompleta, non ha fatto in tempo neanche a diventarlo un "genere", chissà cosa ne sarebbe venuto fuori!
    Hai ragione, Nick, sono documenti storici.
    Melinda, ti indicherò una buona videoteca.

    RispondiElimina
  3. Mi sembra comunque interessante l' approfondimento di tematiche ancora poco conosciute...il limite e quale è il limite, sempre diverso perchè siamo diversi.
    Ciao.

    RispondiElimina
  4. Stupendo!!! Credo già di adorare quel film. Sai se è tratto da qualche libro?

    p.s. Sul mio post di domani c'è una sorpresa per te

    RispondiElimina
  5. @teoderica: esatto, in queste situazioni non c'è un limite definibile.

    @Lisa: no, non penso provenga da un libro.
    OK! :)

    RispondiElimina
  6. Bello ed interessante, m'incuriosisce. (Isobel Gowdie)

    RispondiElimina
  7. Uuuuh Gigi :( I can't find this movie, bubu... :<

    RispondiElimina
  8. Isobel: breve ma di interesse storico!

    @Judka: http://www.archive.org/details/DreamgirlstaceyWalker-1960sExploitationFetishShort

    ;)

    RispondiElimina
  9. "Non è il mio genere", ma non ha un genere!!! Non si tratta neanche di un'opera! Non è mai stato fatto!

    RispondiElimina
  10. Non ho visto questo film, ma da come lo descrivi dovrei vederlo...

    passavo per lasciarti un saluto!

    dolce giornata...

    RispondiElimina
  11. ...dalla descrizione nn mi fa proprio impazzire...

    RispondiElimina
  12. @Nora: in realtà non esisto neanche io!

    @angeloblu: grazie, e un grandissimo saluto a te! :)

    @patalice: effettivamente tratta qualcosa di "particolare"...

    RispondiElimina
  13. Hah, I never had dreams like this, fuck :D
    But I wonder ... Did she cut off his wee-wee on the end? Haha xD

    RispondiElimina
  14. @Judka: yes, cut it, and it seems that he was perversely happy! :D
    Neither do I have to say that I never dream like this... :D

    RispondiElimina