OCCHIO: degustazione, esegesi...   ESPRESSIONI: visioni, letture, arte...

venerdì 28 dicembre 2012

batticuore

Absurd Encounter with Fear
1967
Stati Uniti d'America
Regia: David Lynch
Scritto: David Lynch

Diceva un tale: «Il sentimento più forte e più antico dell'animo umano è la paura, e la paura più grande è quella dell'ignoto». Paura dell'oscuro mondo che può eruttare dai meandri della psiche umana; paura che può essere un'indistinguibile situazione in un campo lungo. Un tempo che scorre e tarda a dare risposte può esser terrore, non da meno l'avvicinarsi di una catarsi che non libera e non rivela nulla. Angoscia può crearsi quando arriva l'inaspettato, nel momento in cui non si presenta ciò che avevamo ipotizzato, così come nel frangente in cui un fulcro ritenuto tranquillo manifesta ambiguità.

14 commenti:

  1. Io adoro David Lynch, ma non immaginavo fosse stato in grado di girare filrm nel 1967!!

    RispondiElimina
  2. Esco un po' fuori tema, forse lo declino in un senso completamente altro. Ciò che hai scritto - in particolare la citazione "la paura più grande è quella dell'ignoto" - spontaneamente mi ha richiamato alla mente le parole del Demian di Hesse:

    "La vita in comune" diceva Demian "è una bella cosa. Ma ciò che vediamo fiorire dovunque non lo è affatto. Essa risorgerà dalla reciproca conoscenza degli individui e per qualche tempo trasformerà il mondo. L'attuale vita comune non è altro che gregge. Gli uomini si rifugiano l'uno presso l'altro perché hanno paura l'uno dell'altro: i padroni per conto loro, i lavoratori a parte, gli scienziati a parte. E perché hanno paura? Uno ha paura soltanto quando non è d'accordo con se stesso. Quelli hanno paura perché non hanno mai fatto professione di sé. Pensare: una comunità tutta di uomini paurosi dell'ignoto che hanno dentro! Tutti sentono che le loro leggi di vita non sono più giuste, che vivono secondo antiche tavole, che le loro religioni, la loro moralità, nulla insomma è adeguato a ciò che ci occorre..."

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, quell'"ignoto" che viene da dentro e le possibili soluzioni; è sempre la persona stessa la prima a non sapere e ad "immacolare" le sue azioni senza scendere più in profondità.

      Elimina
  3. Questo mi manca da vedere :O Tra l'altro mi viene in mente che è già troppo tempo che non esce un film di Lynch :(

    RispondiElimina
  4. Non sono esperta come voi ma leggo molto volentieri le vostre critiche e i pensieri connessi...
    V

    RispondiElimina
  5. molto bello questo post.. un abbraccio di buon 2013

    RispondiElimina
  6. cacchio, ma a te non ti fermano neppure le abboffate di natale e i parenti! sei il mio mito!

    RispondiElimina
  7. wow io di Lynch ho praticamente tutto, ma questo mi è sfuggito, è un corto?

    RispondiElimina